top of page

Il Surf

Ho scoperto il surf da onda tra le scogliere dell'Algarve (a sud del Portogallo) a 18 anni: da allora mi sono innamorato e ho compreso fin da subito che il surf non è uno sport, ma uno stato mentale. Ancora immaturo in questa esperienza, ho continuato a surfare per anni in modo discontinuo, tra un esame universitario e l'altro, a volte scappando verso i litorali italiani e francesi, anche solo per pochi giorni, spesso in condizioni meteo estreme, certo che un giorno avrei approfondito questa meravigliosa esperienza. 

Con il tempo, ho compreso il perché adoravo il surf: il mare è come la nostra mente. A volte è piatto, limpido e cristallino, trasparente e innocuo. Altre volte mosso, pericoloso, oscuro e spumoso. Quando ci sono le onde, quando il mare è perturbato, solamente un surfista può cavalcarne serenamente il moto ondoso e "giocare" con le perturbazioni. 

Ho compreso nel tempo di come il surf sia una perfetta metafora di come comportarsi quando la nostra mente e le nostre emozioni entrano nel caos generando enormi onde che, se non correttamente gestite, ci possono letteralmente far affogare nei nostri pensieri distruttivi e paranoici. Il surf mi ha, in buona parte, insegnato a cavalcare le mie onde interiori. E' così che è nata l'idea di "Surf your Life".

Surf: la cura per autismo, depressione, disabilità.

“Il mare è cura di tutti i mali”; lo diceva Platone, lo confermano medici e psicologi. Il mare - il surf, il contatto con la natura e gli watersport -, è una tra le più valide terapie per mente, corpo e anima. I programmi di riabilitazione variano, tra le situazioni più trattate: disabilità, depressione, autismo e disturbo post traumatico, ma l’elenco è lungo. Esistono fondazioni e scuole attive che offrono programmi specializzati.

“Il contatto con l’oceano - la natura e il surf - può essere terapeutico”, afferma Guillaume Barucq, medico surfista di Biarritz. “Le onde che si infrangono in acqua o sulla sabbia sprigionano molecole che liberano ioni negativi. Essi migliorano l’ossigenazione dei tessuti, l’umore, il tono, la qualità del sonno e della concentrazione”.

 

I medici di Biarritz, anziché prescrivere pillole e medicine - dove possibile -, consigliano il surf come terapia. Secondo quanto riportato dal Telegraph.co.uk, i medici francesi per la prima volta al mondo sono stati autorizzati a prescrivere lezioni di surf come cura per diversi disturbi cronici. Il programma pilota è nato in Francia su un’idea del Comitato Olimpico Nazionale e prevedeva la prescrizione di lezioni di surf e stand up paddling a 200 soggetti affetti da diversi problemi di salute tra cui: obesità, stress, problemi di cuore, diabete, mal di schiena, depressione.

Lezione di surf
Cavalcando le onde

Surf e stato mentale

Quando fai surf, il cervello va in tilt, ma in modo coordinato. In particolare, decine di mappe nel cervello codificano la posizione dell'onda e le posizioni dei surfisti intorno. Un team di ricercatori in neuroscienze hanno ideato un sistema EEG resistente all'acqua che i surfisti potevano indossare nell'oceano per registrare la loro attività cerebrale. Con l'EEG, gli elettrodi sul cuoio capelluto registrano l'attività elettrica aggregata del cervello; I vari modelli di impulsi (cioè le diverse onde cerebrali) sono stati associati a diversi stati mentali.

I ricercatori hanno anche registrato le onde cerebrali di alcuni surfisti mentre sedevano tranquillamente sulla spiaggia per ottenere registrazioni EEG di base. I neuroscienziati sono rimasti stupiti dalla potenza delle onde alfa dei surfisti, la frequenza associata al rilassamento e alla meditazione. "Diremmo, chiudi gli occhi e concentrati sul tuo respiro, e immediatamente vedremmo questo travolgente potere alfa".

Inoltre, il tipo di respirazione utilizzati durante il nuoto e le immersioni stimolano il sistema nervoso parasimpatico. Questo ha un impatto sulle onde cerebrali e calma la mente, rilasciando ormoni che apportano benessere.

Provare soggezione calma i lobi frontali, sincronizzando il cervello sinistro e destro, aumentando l'attività delle onde cerebrali Alfa e Theta. Lo stato di flusso viene raggiunto quando le onde cerebrali Alfa e Theta prendono il sopravvento e potrebbe essere descritto come il punto in cui il conscio e il subconscio si incontrano. Quando ci concentriamo su un compito, che si tratti di catturare l'onda successiva, scrivere un ottimo documento o consegnare un fantastico progetto al lavoro, iniziamo con le onde Beta e progrediamo lentamente verso Alpha e Tetha. Quando l'attività delle onde alfa aumenta, stiamo raggiungendo le nostre massime prestazioni. Quando è coinvolta un'intensa creatività, le onde Theta entrano in gioco e otteniamo un "aha! momento" – quel prezioso momento di idee brillanti, quando siamo in grado di collegare tutti i puntini.

"Surf the mind"

Il tempo rallenta quando stai cavalcando un'onda, non pensi davvero a nulla e il resto del mondo svanisce. Sei nel flusso. Ma cosa significa, e come si traduce nella tua attività cerebrale? La nostra mente è il burattinaio. Controlla le nostre emozioni, paure, decisioni e pensieri, la nostra motivazione e i livelli di energia.

 

L'esercizio in ambienti naturali ha maggiori benefici per la salute mentale rispetto all'esercizio in qualsiasi altro luogo. Lo stesso vale per il surf, un allenamento totale che impegna sia il corpo che la mente, con benefici per la salute che vanno ben oltre il puro brivido di prendere un'onda: può essere una forma di trattamento per depressione, stress, ansia, insonnia e persino disturbo da stress post-traumatico.

 

Cosa succede nel cervello quando fai surf? Spesso sentiamo dire "Solo un surfista conosce la sensazione" e "Non c'è sballo più grande", ma questo non sembra mai soddisfarci. Quindi, abbiamo deciso di andare a fondo delle cose e di dare un'occhiata da vicino a ciò che accade all'interno del cervello di un surfista.

IL SURF RILASCIA UN COCKTAIL DI SOSTANZE CHIMICHE DI BENESSERE NEL CERVELLO

 

Secondo la Harvard Medical School, l'esercizio fisico regolare migliora la memoria stimolando alcune sostanze chimiche nel cervello, migliora il sonno e l'umore e riduce lo stress e l'ansia. Lo stesso accade quando fai surf: il cervello ottiene una buona dose di alcune sostanze chimiche. Questo cocktail di sostanze chimiche ti aiuta a rimanere concentrato. Non solo, ma ti fa anche sentire felice. Pertanto, è sicuro dire che il surf è un forte esaltatore dell'umore. Ogni grande impresa di catturare una nuova onda viene ricompensata con una scarica di sostanze neurochimiche che portano a uno stato di euforia.

Surf in Australia
Fare surf

Diamo un'occhiata ad alcune delle sostanze chimiche rilasciate:

 

Adrenalina – Viene prodotto dalle ghiandole surrenali in risposta al pericolo e alla paura. C'è un altro ormone, molto simile all'adrenalina, chiamato noradrenalina, che è prodotto dal cervello. Proprio come l'adrenalina, innesca la risposta di lotta o fuga, aumentando la frequenza cardiaca, la frequenza respiratoria e il flusso sanguigno, aiutandoti ad affrontare situazioni stressanti.

 

Serotonina – Conosciuto anche come la "sostanza chimica della felicità", questo neurotrasmettitore è responsabile per il nostro umore. Bassi livelli di serotonina sono associati ad ansia e depressione, e livelli più elevati di questo esaltatore dell'umore riducono lo stress e aumentano la fiducia generale. È anche responsabile di quel divertimento che provi durante e dopo una sessione di surf.

Endorfine - Neuro ormoni spesso indicati come antidolorifici naturali del corpo, mascherando il dolore e il disagio e aiutandoti a superare qualsiasi situazione. Il rilascio di endorfine è anche legato a uno stato di eufori.

Il surf viene utilizzato nelle strutture di riabilitazione, dove lo sballo di droghe e alcol viene sostituito con la scarica di endorfine che si sperimenta quando si cavalca un'onda.

 

Dopamina – Ancora più potente delle endorfine, questo neurotrasmettitore controlla i centri di ricompensa e piacere del cervello. L'attesa prima di una sessione di surf rilascia dopamina, con quantità incredibilmente elevate prodotte come risultato di un successo inaspettato, come catturare la tua prima onda. La dopamina è anche associata alla dipendenza ed è questa molecola che ti impedisce di uscire dall'acqua volendo surfare sempre l'"ultima onda"..

Gli Ioni negativi

Per secoli, i medici hanno raccomandato l'aria di mare ai loro pazienti. L'oceano ha un effetto naturalmente calmante sul cervello e semplicemente stare in mezzo alle onde che si infrangono ci farà sentire a nostro agio e felici. Ma perché questo accade? Le onde che si infrangono rilasciano ioni caricati negativamente, che innescano il rilascio di sostanze chimiche di benessere nel corpo e alterano le onde cerebrali. Gli ioni negativi non possono essere visti ad occhio nudo o odorati, ma sono intorno a noi in determinati ambienti, specialmente intorno a grandi specchi d'acqua. Per essere più precisi, questi sono atomi di ossigeno con elettroni caricati negativamente che vengono prodotti a partire dalle molecole d'acqua.

Gli ioni negativi sono l'antidepressivo della natura, innescando il rilascio di serotonina ed endorfine, quei magici neurotrasmettitori che alleviano lo stress e ci fanno sentire bene. Gli ioni negativi aumentano il flusso di ossigeno al cervello, che porta alla nitidezza mentale e all'aumento dell'energia mentale. Promuovono anche l'attività delle onde cerebrali Alfa. Pertanto, non è solo il piacere di cogliere un'onda che ti farà sorridere, ma anche l'aria che respiri

Surf in Australia
Riposo Surfer

Il surf come meditazione

Ora sappiamo che la meditazione non implica necessariamente stare seduti in una stanza tranquilla su un cuscino. Può assumere molte forme e il surf è una di queste.

Semplicemente guardare l'oceano ti mette in uno stato meditativo.

Una volta entrati in acqua, il surf ti costringe a dirigere i tuoi pensieri al momento presente, liberando la mente. I surfisti subiscono stati dissociativi, simili a quelli sperimentati dai praticanti di meditazione per tutta la vita.

Dopo l'afflusso di sostanze chimiche nel cervello, il sistema parasimpatico prende il sopravvento e tutto rallenta, mentre la produzione di cortisolo (ormone dello stress) si ferma. L'attività delle onde cerebrali alfa domina, e questo si traduce in uno stato mentale rilassato e nella pulizia dei pensieri indesiderati. Quel monologo inquieto nella tua testa si ferma improvvisamente. I surfisti continuano a sentirsi bene a lungo dopo una sessione di surf e saranno in grado di concentrarsi meglio su tutti gli altri compiti che devono affrontare.

bottom of page