top of page

Mascolinità e omeopatia

L'Omeopatia nell'impotenza sessuale maschile


La soddisfazione sessuale è una componente essenziale del benessere.

I disturbi della sessualità maschile possono essere trattati dall'omeopata. La sdrammatizzazione di questi disturbi passa attraverso il dialogo, la fiducia, un esame clinico completo per scoprire e trattare tutte le patologie associate. In un certo numero di casi l'omeopatia permette di riprendere un'attività sessuale soddisfacente. Polimorfi sono i disturbi sessuali maschili: disturbi dell'eiaculazione, anorgasmia, perdita del desiderio, disfunzioni erettili.


La disfunzione erettile (9 casi su 10) è dunque la più frequente delle patologie, si ritiene interessi un uomo su tre dopo i 40 anni. Occorre rendere interessante la vita amorosa, stemperare conflitti a volte ineluttabili, uscire da sentieri battuti.

Ricominciare ad amare attraverso i desideri dell'altro, con un piacere condiviso. Anche per l'impotenza sessuale si può indagare la possibilità di ricorrere a rimedi omeopatici, prima di ricorrere al Sildenafil (Viagra®) piuttosto che al Tadalafil (Cialis®). Le cause psichiche dei disturbi sono molteplici: ansia, stress, introversione, depressione, perdita di fiducia in se stessi, routine.


Le cause fisiche: diabete, ipertensione cronica, andropausa, malattie cardiovascolari, insufficienza respiratoria, malattie prostatiche, obesità, lombo sciatalgie, patologie cancerose, ipercolesterolemia, tabagismo grave, alcolismo, sedentarietà.


I medicinali omeopatici possono agire in molte di queste situazioni, stimolando la vis medicatrix naturae e ristabilendo l'equilibrio globale dell'individuo, funzioni sessuali comprese. Ogni medicinale omeopatico, se attentamente prescritto seguendo la similitudine, può dare risultati inaspettati, prima di ricorrere alle molecole chimiche.


Fra i principali rimedi della diminuzione della libido: Agnus castus, Baryta carbonica, Graphites, Lycopodium clavatum, Silicea.


In caso di stress o ansia: Pulsatilla pratensis, Conium maculatum, Platina, Gelsemium sempervirens, Argentum nitricum.


Nei disturbi dell'erezione: Sepia officinalis, Sulphur, Iodum, Calcarea carbonica, Caladium, Psorinum, Medhorrinum, Nux moschata, Selenium, Phosphoricum acidum.

6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Kommentare


bottom of page